+39 351 855 9345 info@guidetrapani.it
Ruderi Di Poggioreale – Foto A. Stellina
Ruderi Di Poggioreale – Foto A. Stellina
Ruderi di Poggioreale – foto A. Stellina
Ruderi Di Poggioreale, Chiesa Sant’Antonio – Foto V.Danimarca
Ruderi di Poggioreale, Chiesa Sant’Antonio – foto V.Danimarca
Castello Griffeo Partanna – Foto ReHu
Castello Griffeo Partanna – Foto ReHu
Partanna, Sito Archeologico Contrada Stretto – Foto ReHu
Partanna, sito archeologico Contrada Stretto – foto ReHu
Partanna, Castello Grifeo, S.de Wobreck Madonna Del Rosario, Part. Eleonora Grifeo, 1585 – Foto ReHu
Partanna, Castello Grifeo, S.de Wobreck Madonna del Rosario, part. Eleonora Grifeo, 1585 – foto ReHu
Partanna, Castello Grifeo, Museo Di Preistoria Del Belice – Cranio Trapanato Foto E. Rossi
Partanna, Castello Grifeo, Museo di Preistoria del Belice – Cranio trapanato Foto E. Rossi
Santa Ninfa, Chiesa Madre – Foto R. M.Gallo
Santa Ninfa, Chiesa Madre – foto R.-M.Gallo
Santa Ninfa, Nino Cordio, Fontana Del Melograno – Foto R. M.Gallo
Santa Ninfa, Nino Cordio, fontana del Melograno – foto R.-M.Gallo
Santa Ninfa, Municipio, N.Cordio, Ricordo Della Sposa, Legno,1968  Foto G.Salluzzo
Santa Ninfa, municipio, N.Cordio, Ricordo della sposa, legno,1968 -Foto G.Salluzzo
Ruderi Di Poggioreale – Foto A. StellinaRuderi Di Poggioreale, Chiesa Sant’Antonio – Foto V.DanimarcaCastello Griffeo Partanna – Foto ReHuPartanna, Sito Archeologico Contrada Stretto – Foto ReHuPartanna, Castello Grifeo, S.de Wobreck Madonna Del Rosario, Part. Eleonora Grifeo, 1585 – Foto ReHuPartanna, Castello Grifeo, Museo Di Preistoria Del Belice – Cranio Trapanato Foto E. RossiSanta Ninfa, Chiesa Madre – Foto R. M.GalloSanta Ninfa, Nino Cordio, Fontana Del Melograno – Foto R. M.GalloSanta Ninfa, Municipio, N.Cordio, Ricordo Della Sposa, Legno,1968  Foto G.Salluzzo

Valle del Belice

STORIA

L’area della Valle del Belice è un territorio che si estende nell’entroterra agricolo della Sicilia occidentale lungo il corso dell’omonimo fiume, sino a lambire nei pressi della sua foce, le coste del mar Mediterraneo. E’ una zona ricca di insediamenti risalenti alla preistoria ma che offre altresì importanti testimonianze della civilizzazione greca. Il tratto che accomuna l’intero territorio è quello del devastante sisma del 1968 che in una notte decimò una importante percentuale del patrimonio storico dei paesi ricompresi nell’area. A tale evento fece seguito una ricostruzione dei centri abitati volta da un lato a preservare quanto era stato risparmiato dal terremoto ma anche e soprattutto a ripensarlo in una nuova ottica ispirata all’arte contemporanea. Immancabile, in questo contesto, è la visita di Gibellina, alla quale dedichiamo una voce separata.
Particolari sensazioni evocano gli abitati originari di Poggioreale e Gibellina vecchia che, abbandonati definitivamente dopo il sisma, offrono al visitatore un l’esempio di una vita comunitaria inesorabilmente compromessa.

LUOGHI DA VISITARE

Gibellina nuova e vecchia

Il castello di Grifeo a Partanna che ospita reperti preistorici testimonianze della ricchezza delle popolazioni autoctone precedenti la colonizzazione greco-fenicia soprattutto provenienti dal area archeologica di Contrada Stretto
Area archeologica di Contrada Stretto nel territorio del comune di Partanna, dove sono stati trovati numerosi fossati scavati risalenti ad epoca neolitica, con al loro interno tombe con depositi votivi che comprendono un arco cronologico che va dal Neolitico al Bronzo Antico.
La colonia greca di Selinunte, il più vasto parco archeologico d’Europa;
Il museo dell’emigrazione di Santa Ninfa testimonianza delle condizioni che condussero alla prima grande ondata d’emigrazione siciliana a cavallo fra l’ottocento ed il novecento;
La grotta di Santa Ninfa, chiaro esempio di forme geologiche di origini carsiche e inserita in un ambiente ricco di specie vegetali endemiche;
Dune del fiume Belice, zona naturalistica eletta a riserva naturale atta a tutelare un paesaggio dunoso unico nel suo genere in Sicilia;

INGRESSI A PAGAMENTO

Selinunte parco archeologico, Partanna Castello di Grifeo, Gibellina Baglio Di Stefano.

PRODOTTI TIPICI

Vastedda del Belice, tipico formaggio a pasta molle filata; olio d’oliva ottenuto dalla spremitura della varietà nocellara;