+39 351 855 9345 info@guidetrapani.it
Cattedrale – Foto ReHu
Cattedrale – Foto ReHu
cattedrale – foto ReHu
Arco Normanno Foto E Rossi
Arco Normanno Foto E_Rossi
Piazza Plebiscito – Foto ReHu
Piazza Plebiscito – foto ReHu
Satiro Danzante, Bronzo IV Sec A. C. Museo Del Satiro – Foto E.Rossi
Satiro danzante, Bronzo IV sec a. C. Museo del Satiro – foto E.Rossi
Chiesa Madre, Cristo Pantocratore, Affresco XII. Sec – Croce Ligneo, Part., XIII.sec, Foto ReHU
Chiesa Madre, Cristo Pantocratore, affresco XII. sec – Croce ligneo, part., XIII.sec, Foto ReHU
Collegio Dei Gesuiti, Ingresso Monumentale 17.sec – Foto ReHu
collegio dei gesuiti, ingresso monumentale 17.sec – foto ReHu
Chiesa Madonna Delle Giummare – Foto ReHu
chiesa Madonna delle Giummare – foto ReHu
Centro Storico, Kasbah – Foto ReHu
Centro storico, Kasbah – Foto ReHu
Catacombe San Francesco – Foto ReHu
Catacombe San Francesco – foto ReHu
Cattedrale – Foto ReHuArco Normanno Foto E RossiPiazza Plebiscito – Foto ReHuSatiro Danzante, Bronzo IV Sec A. C. Museo Del Satiro – Foto E.RossiChiesa Madre, Cristo Pantocratore, Affresco XII. Sec – Croce Ligneo, Part., XIII.sec, Foto ReHUCollegio Dei Gesuiti, Ingresso Monumentale 17.sec – Foto ReHuChiesa Madonna Delle Giummare – Foto ReHuCentro Storico, Kasbah – Foto ReHuCatacombe San Francesco – Foto ReHu

Mazara del Vallo

STORIA

Secondo Tucidide, i Fenici fondarono alla foce del fiume Mazaro nel XI sec.a.C. una fattoria commerciale, e nella seconda metà del VII sec.a.C alcuni coloni greci di Selinunte un emporio. Nel il 409 a.C.,dopo la distruzione di Selinunte passa sotto dominio di Cartagine,e coni Romani diviene castrum. Il dominio romano è attestato dal ritrovamento di numerosi sarcofagi e mosaici. Gli Arabi iniziarono la conquista della Sicilia da Mazara, nel cui territorio sbarcarono nel 827 , dotarono la città di fortezze, costruirono delle moschee, e svilupparono un intricato sistema viario, “Kasbah”, ancora oggi riscontrabile nel centro storico. La sua prosperità continuò con i Normanni, nel 1072 fu conquistata dal conte Ruggero d’Altavilla,che la cinse di mura, a cui si deve la costruzione della Cattedrale e l’istituzione della Diocesi. La città nel 1097 accoglie il primo parlamento normanno di Sicilia.

LUOGHI DA VISITARE

Cattedrale – di origine normanna, ristrutturata nel XVII sec., consolidata dopo il sisma del 1968.

All’interno decorata con stucchi e affreschi di Giuseppe Felice e dello Scannatella. Nell’abside , una croce lignea di un anonimo maestro siciliano del XIII sec. e il gruppo scultorio della “Trasfigurazione”, capolavoro rinascimentale di Antonello e Antonio Gagini . Nel transetto destro, vi sono i resti di un affresco bizantino raffigurante il Cristo Pantacratore.

Piazza della Repubblica dove si affaccia il Palazzo del Seminario inizio XVIII sec. e il Palazzo Vescovile del XVI sec.

Chiesa di San Michele – di origine normanna,ricostruita nel XVII sec.in stile barocco,annesso il Monastero Benedettino. All’interno affreschi del XVIII sec. e stucchi di scuola serpottiana.

Chiesa di San Francesco – edificata nella prima metà del XIII sec., interamente ricostruita nel XVII sec. in stile barocco, decorata all’interno con statue in stucco e affreschi.

Chiesa di San Nicolò Regale, in stile arabo-normanno del XII sec.

Museo del Satiro – accoglie reperti trovati nel canale di Sicilia e la statua bronzea del satiro danzante, attribuita allo scultore Prassitele.

Collegio dei Gesuiti –edificato nel XVII sec.in stile barocco,sede del Museo Civico, accoglie sculture del XX sec. dello scultore mazarese Pietro Consagra.

Museo Diocesano – collocato al piano terra del Seminario Vescovile, espone argenti e suppellettili liturgiche del XIV al XIX sec.

INGRESSI A PAGAMENTO

Museo del Satiro

FESTE e MANIFESTAZIONI

Festino di San Vito – processione con quadri viventi, penultima e ultima settimana di agosto.

PRODOTTI TIPICI

Il pesce pescato dai pescherecci, venduto nel pomeriggio al porto.